Eventi, Menu
comments 15

Un tè ed un compleanno

Cosa può fare una foodblogger per il suo compleanno?

Che domanda amletica 🙂 Dopo vari inviti a cena, a picnic, in terrazzo di sera, quest’anno ho optato per una soluzione un po’ originale puntanto su  un rito antico ma non propriamente italiaco.

Ho invitato gli amici in un ampio terrazzo in centro a Roma per un tè, sì un tè. Ed indovina a che ora? Alle 5 di pomeriggio sennò quando?!

L’idea, dati i numeri e la precisione  a mio sostegno, sembra essere stata gradita. I primi ospiti sono arrivati presto e hanno dato una mano al trasbordo delle cose (grazie Eleonora) e gli ultimi se ne sono andati verso le dieci di sera. Così 28 persone di sabato pomeriggio sul terrazzo, oltre ad ammirare i tetti romani, hanno chiacchierato e mangiato.

Mangiato? Cosa?

Va bene ecco il menù:

L’angolo dei tè (o tea)

Dopotutto era un tè-compleanno e non si può partire che da questi:

Tè Qi Xong by Babington di Piazza di Spagna e regalo dell’amica giramondo Francesca

Tè Tramonto Africano by Sala 101 di Calcata

Tè all’Ice Wine from Niagara on the Lake

L’angolo delle birre

Oltre i tè, si è dato spazio anche a:

Lager, prima birra fatta in casa dalla Cavia, anche se con gli zuccheri aggiunti non rispettava il Reinheitsgebot, ossia l’Editto della Purezza

American Pale Ale by BAT portata gentilmente da Emanuele, che ringrazio di essere venuto quasi alla cieca, dopo tanti tweets e tanta sua pazienza, e per l’omaggio molto gradito e molto buono, che ha colto nel segno dato il mio debole per le Pale Ale.

Tavolo dei salati

La formazione di questo tavolo ha risentito, in parte, dei commenti e dei messaggi subliminali di Senza Panna.

Plumcake salato con olive e pomodorini

Strudel salato con speck, Asiago e mela

Strudel salato con speck, Asiago, cipollotto e patata

Cantucci salati

Pane cafone con farina di Kamut, buono anche se Theo ha preferito il pane con farina 2, ma i gusti son gusti 🙂

Stavolta gli strudel sono stati fatti non con la sfoglia del supermercato, ma con vera pasta da strudel fatta in casa. Ricetta della pasta strudel? Beh un attimo di calma, a breve verrà diffusa da questi schermi 🙂

Tavolo dei dolci

Qui mi sono sbizzarita, amando fare i biscotti ma non volendo trascurare le torte.

Biscotti

Esse di Raveo, new entry grazie alla ricetta dal Friuli donata da Annamaria di Cividale e che proviene, la ricetta, da Cavasso.

Biscotti di frolla al tè all’albicocca e spumante, stavolta fatti a forma di teiera

Biscotti allo zenzero, stavolta fatti con gli stampini a forma di micio e elefante

Biscotti al ginepro, anice e arancia

Biscotti di Hilda, scoperti a Natale grazie a Comida De Mama

Marmellata di mango, di cui ripubblicherò prestissimo la ricetta, dato che anche questa ricetta dopo tanto tempo l’ho rifatta

Torte

Linzer Torte, che ha riscosso un successo enorme e di cui riproporrò presto la ricetta, avendo notato alcune mancanze nei dettagli della ricetta da me già postata. Dopotutto mi piace essere precisa e trasparente qui.

Torta Paradiso, stavolta messa in una teglia rettangolare

Torta di Fragole e cioccolato, che stavolta è stata fatta con olio extra vergine di oliva, togliendo un cucchiaio di olio e aumentando di un cucchiaio la quantità di latte. Ho fatto così per non far sentire troppo l’aroma dell’olio d’oliva usato invece di quello di semi

Gli amici

Ed un posto speciale hanno avuto gli amici. Amici blogger come Nadia, Daniela, Enrico, Emanuele, Hande, Tania e rispettivi accompagnatori. Ma anche Giuseppe, Concetta, Letizia con Raffaele e il vispo Adriano, Raffaele, Paola, Marco e compagna, Annalisa ed Eleonora e compagni, Agnese, Armando. E speriamo di non aver dimenticato nessuno.

Le emozioni ed i grazie sono lunghi più della lista di nomi. Bisognerebbe fare una lista di 34 grazie in luogo delle 34 candeline mancanti alla festa 🙂

G-R-A-Z-I-E

15 Comments

  1. Di nuovo auguri da un po’ più lontano, anche se in ritardissimo. Ottima idea e un bravi per aver brindato a birra fatta in casa 😉

  2. Un bellissimo pomeriggio in ottima compagnia e in uno scenario fantastico!
    Grazie ancora!

    Enrico

    PS Ho pensato di portarti anche quel libro sui vini friulani che mi hanno portato in ufficio. Spero ti sia piaciuto.

  3. Stavo per dilungarmi, ma credo che un g-r-a-z-i-e sia davvero più che consono! E soprattutto preciso, vista la naturale attitudine della padrona di casa che detto tra noi… mi fa un bafffffooooo!!! :)) N.

  4. rossdibi says

    Leggo tra le righe un facile umorismo sulla mia precisione 🙂 Devo far leggere ai miei genitori, che mi danno della disordinata, il che è vero, ma dentro sono più precisina di @precisina e di mia sorella ehehehe

    @Enrico Libro molto gradito, dopotutto lo avevo già addocchiato in libreria.

    Non ho avuto tempo di dedicarmi ai regali, ero stanchissima sabato (gli ultimi ospiti se ne sono andati verso le 22) e domenica (meno male che c’era il Giro d’Italia in tv).

    Quando vedo il cestino di @precisina mi commuovo, sto studiando che fare di quei tre ottimi limoni mumble mumble, tra un prodotto di bellezza di @Daniela, un libro caso letterario in Sud America di @MagoPeppe, le formine per muffin a fiore di @Tania …etc.etc. Troppa grazia!

  5. lo sapevo di aver mancato una bellissima festa!!! lo sapevo!!!
    Ancora tantissimi auguri!

  6. hai avuto un’idea magnifica! tanto per cambiare un po’ dal solito aperitivo 🙂
    dev’essere stata una bellissima festa!

  7. Ciao Rossella,
    ti faccio i miei più cari auguri, credo che abbiate passato davvero un pomeriggio indimenticabile…
    Quante cose hai preparato? OH mamma!
    Mi è dispiaciuto non essere dei vostri, ma spero non mancherà occasione. Un bacione

  8. rossdibi says

    @Alem Dai primo o poi ripeto l’invito, appena ne ho le forze 🙂
    @Fiordilatte Sì, una bella festa veramente e direi che la scusa del tè era molto da Foodies

    @Elisa Non mancherà, il tempo di preparazione? Tanto, avevo sempre paura che non bastasse. Diciamo che ho iniziato con gli impasti il martedì pomeriggio…dobbiamo fare anche i complimenti al forno, che ha resistito e ha funzionato benissimo

  9. Bellissimo, avrei voluto esserci, ceh nostalgia quella terrazza. complimenti a senzapanna per le foto.

  10. magogeppe says

    Personalmente sono stato molto bene e considerato che non vi conoscevo se non per post è tanto. Bello il posto, le leccornie,la padrona di casa gli invitati, ma la cosa più importante è che ti sia divertita tu, la festeggiata, e se così è stato se ti sei divertita insieme a noi, perchè non lo rifai anche l’anno prossimo? ( che sfacciato!).

  11. leprizia says

    Cara Rossella,
    con ritardo un grazie sentito per l’invito per il tuo compleanno…non potevo immaginare la tua passione per la cucina soltanto da quel famoso risotto al melone a casa di Francesca.

    Ebbeno lo strudel salato di speck, Asiago e mela mi ha stregata, tanto che in una giornata per me veramente infausta, sono andata a sfogare le mie frustrazioni al supermercato, facendo un piccolo shopping culinario.

    Invece della frolla, ho preferito la pasta briseè, invece dell’Asiago, ho voluto provare il Montasio dop, a me sconosciuto sino alla lettura di un post sul tuo blog….di cui in verità ricordavo -amletica di fronte al banco frigo- soltanto il nome. Ho concluso con la mela renetta.

    Anche la mia cavia si è leccato i baffi …GRAZIE dubque e a presto, leprizia

  12. rossdibi says

    @MagoPeppe E’ stato un piacere per me conoscerti. Don’t worry ogni anno si festeggia almeno un compleanno all’anno come si deve.

    @Leprizia Son contenta che la tua Cavia abbia apprezzato e anche che hai rivisitato la ricetta. Si fa così, di necessità virtù e buon gusto 🙂 Ah, ieri ho visto Francesca, appena tornata dalla Cina, e si è parlato di voi. Abbiamo concordato sul fatto che Adriano (la futura Cavia) è veramente un pupo sereno e irresistibile

  13. Leprizia says

    Grazie, sì Adriano è già una Cavia, che apprezza la buona tavola…mangerebbe sempre….posso dire che del tuo compleanno, a parte lo strudel e le altre golosità, due cose ricordo con gioia la compagnia degli amici -per me nuovi- e Adriano buffo che scorazzava tra un comignolo e l’altro giocando a fare il verso “Marameo”…ancora grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *