Secondi
Leave a comment

Polenta !

Sono polentona, nel senso che adoro la polenta. Fin da piccola è stato un amore a prima vista.

Mia madre si dispera se deve fare la polenta con me vicino, perché appena poggia il cucchiaio di legno usato per girare quella bontà unica io lo pulisco. Non resisto, è più forte di me.

Però una soluzione al problema esiste: farmi cucinare la polenta. Il cucchiai resta sporco di polenta più a lungo, dato che spesso sul fuoco ho anche altri piatti a cui badare.

La scorsa settimana ho fatto la polenta, ovviamente, e ho anche fatto la brava massaia.

In questi tempi di crisi economica me la son cavata nello sfruttare quello che il frigo offriva. Anche perché avendo passato il weekend fuori Roma il frigo languiva veramente.

La brava massaia del 2008, durante la settimana fa in dose abbondante la zuppa di porri e patate, che trovate qui .

Poi si è portata nella casa de La Cavia fuori Roma della farina di polenta, le foglie dei porri rimaste e le carote non proprio giovanissime che il frigo le ha porto.

La Cavia non ha potuto astenersi dal comprare delle braciole, una sua passione durante i week end fuori Roma.

Così facendo abbiamo mangiato, una sera:

BRACIOLE AL PROFUMO DI PORRO: ho cotto le braciole con sopra adagiati dei pezzi di foglia di porro, che però non ho servito

POLENTA appena cotta e servita con dei pezzi di formaggio Friulano fresco (comprarto la settimana a Udine)

Il giorno dopo:

altre BRACIOLE

con POLENTA VERDURATA

Ingredienti indicativi:

Polenta già cotta in precedenza tagliata a fettine

Foglie di porro tagliuzzate

Carote tagliate a rondelle

Formaggio Friulano (o comunque fresco)

Pepe

Versare poco olio in padella e far saltare velocissimamente il porro e le carote. Aggiungere le fette di polenta al centro della padella. Cuocere la polenta da ambi i lati fino al livello di cottura desiderato. Porre sopra ogni fetta di polenta un po’ di formaggio, coprire con un coperchio e cuocere ancora qualche minuto a fuoco moderato. Aggiungere il pepe. Far riposare a fuoco spento qualche attimo ed il gioco è fatto.

E la sera:

finalmente l’ultima BRACIOLA con fetta di pomodoro sopra

e POLENTA VERDURATA ma stavolta invece delle carote con fette di pomodoro.

polenta-21

Direi che per non po’ non avrò voglia di carne. Però così si è dato un tocca nuovo ad un menù a rischio di atroce monotonia. La Cavia, inoltre, ha gradito moltissimo, con mio stupore. E l’odore dei porri mi ha ricordato quelle volte in cui mangiavo da mia nonna, ho tutto istitivamente e solo dopo dal profumo ho pensato che forse ho ripetuto qualcosa che si era stampato nella mia memoria decenni fa.

Ad ogni modo: W la polenta !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *