Pasta, Vino
comments 7

Cacio & Pepe 2: la vendetta

E’ iniziata la mia fase Cacio & Pepe. Innamorata della mia creazione sto provando le varianti.

Il mio amore per il numero di febbraio di Sale & Pepe mi ha portato a provare gli gnocchi con cacio, pepe e ….porro. Gli gnocchi li devo alla mia cavia preferita che li ha trovati in offerta (o forse no) nel suo discount preferito. E’ divertente vedere come chi vive da solo abbia, nei primi anni della sua vita in solitudine (si fa per dire), una sorta di legame sentimentale con certi cibi: sofficini, petti di pollo, primi in busta, pizze surgelate. Avendo un’esperienza più lunga nella vita fuori di casa, mi commuovo quasi a vedere come le stesse manie culinarie si replicano nei novizi. Finora però non ho visto scatolette di tonno.

La ricetta, che riciclo anche per il Club Sale & Pepe , è molto piaciuta: alla Cavia e alla cuoca. Abbiamo mangiato in un silenzio irreale. TV spenta, lume di candela e occhi … nel piatto. Veramente un’abbinata vincente, quella della ricetta ovviamente.

GNOCCHI CON CACIO & PEPE & PORRI
Ingredienti per i soliti due (non spaventatevi, era piatto unico)

1 busta di gnocchi, reparto frigo, dosi per 4
1 porro
50 gr di pecorino romano
Pepe
Olio extra vergine di oliva

Pulire e tagliare a rondelle i porri. Saltarli in padella con un po’ di olio d’oliva. Stufarli per 10-15 minuti.Intanto scaldare l’acqua salata per gli gnocchi. Cuocerli. Nel frattempo unire ai porri il cacio ed il pepe, mescolare. Unire gli gnocchi, non sgocciolati alla perfezione. Et voilà. Mangiare.

Se poi gli gnocchi si fanno in casa è anche meglio. Originariamente erano richiesti però i bucatini.

7 Comments

  1. rossdibi says

    Unfortunatly that time I didn’t make them.
    I love my mum gnocchi. Deliciuos. I just tried once, but her are better

  2. boni sti gnocchi, avevo giusto gli gnocchi e i porri in frigo…Grazie per l’idea.
    Baci
    AranciOnissimA

  3. rossdibi says

    Grazier AraniOnissimA.
    Vedo che anche tu sei una Daring Baker !

  4. Pingback: EASTER « Michela and Gavin’s Weblog

  5. Pingback: Lick your plate after a Parmesan Risotto « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *