Month: marzo 2008

Zuppa qua, zuppa là

“Ma hai comprato un libro sulle zuppe?” mi ha chiesto mia sorella al telefono. “No, ma mi piacciono”. E così anche oggi una nuova zuppa che ha rallegrato lo scorso week end. Di solito mi impegno a fare una o due nuove ricette nel week end per cercare di uscire dalla routine del lavoro e dal relativo stress. Obiettivo: non pensare al lavoro. Mezzo: Cibo. Sott-mezzo: puntare sui blog che mi incuriosiscono maggiormente. Stavolta è toccato a Deliciusdays e alla sua Tomato soup . Non a caso da Munich son tornata con un po’ di spezie. L’unica altra zuppa di pomodoro fatta con successo è stata con mele e ricotta . Le zuppe insegnano in un pomeriggio piovoso pre-pasquale ad andare a Trastevere a comprare per la prima volta le lenticchie rosse decorticate e i mustard seed. Durante la preparazione ero timorosa delle tante spezie, ma, come il solito, il risultato ha confutato i dubbi e reticenze. Un’ottima zuppa, ovviamente secondo il Signor Cavia. ZUPPA “INDIANA” POMODORI E LENTICCHIE ROSSE Ingredienti per una cena abbondante, …

Cacio & Pepe 2: la vendetta

E’ iniziata la mia fase Cacio & Pepe. Innamorata della mia creazione sto provando le varianti. Il mio amore per il numero di febbraio di Sale & Pepe mi ha portato a provare gli gnocchi con cacio, pepe e ….porro. Gli gnocchi li devo alla mia cavia preferita che li ha trovati in offerta (o forse no) nel suo discount preferito. E’ divertente vedere come chi vive da solo abbia, nei primi anni della sua vita in solitudine (si fa per dire), una sorta di legame sentimentale con certi cibi: sofficini, petti di pollo, primi in busta, pizze surgelate. Avendo un’esperienza più lunga nella vita fuori di casa, mi commuovo quasi a vedere come le stesse manie culinarie si replicano nei novizi. Finora però non ho visto scatolette di tonno. La ricetta, che riciclo anche per il Club Sale & Pepe , è molto piaciuta: alla Cavia e alla cuoca. Abbiamo mangiato in un silenzio irreale. TV spenta, lume di candela e occhi … nel piatto. Veramente un’abbinata vincente, quella della ricetta ovviamente. GNOCCHI CON …

Un vino … un risotto

A volte capita di leggere il blog di un’amica e scoprire improssivamente che non si è mai assaggiato un vino. Così tramite Food Vagabond ho scoperto il Barolo. Barolo mumble mumble, ma io non lo sconosco oltre il nome. Allora son tornata a casa facendo un salto in enoteca, partendo anche da quanto letto online ovviamente. Tramite Google avevo con me la ricetta del Risotto al Barolo, per una volta presa da Gennarino e non da Coquinaria.Quella sera imperversava in tv il derby, ma il mio buon animo mi ha fatto fare lo stesso il risotto da offrire all’affamato nell’intervallo. Ho calcolato perfettamente i tempi (meno male che lui è arrivato qualche minuto dopo). Ed ecco il: RISOTTO AL BAROLO Ingredienti per due persone, una affamata e curiosa l’altra solo affamata Un quarto di cipolla rossa (perché avevo quella da finire) 150 g Riso (in realtà ad occhio) Brodo di carne (ahimè solo brodo vegetale fatto leggero) Olio extravergine di oliva Burro Parmigiano grattugiato (in realtà un po’ di pecorino rimasto da Cacio & Pepe) …

Cacio & Pepe

Il tipico piatto semplice ed invitante: Cacio & Pepe. Però anche il solito timore di non essere in grado di replicare esattamente la bontà della prima pasta Cacio & Pepe assaggiata anni or sono a Trastevere.     “Molto buono…molto buono…molto buono”: c’è l’ho fatta. La Cavia approva e io pure. Ma io avevo già capita di aver raggiunto la meta quando mescolavo la pasta nella padella. Era quello il profumo che ricordavo.   Appena in bocca ho avuto il secondo momento di realizzazione personale. Che brava che sono J   La ricetta è presa da Sale & Pepe di febbraio 2008, il mio numero prediletto. A volte mi capita di sfogliare una rivista e di capire che quel numero farà la differenze e che mi darà tante soddisfazione. Non ho ancora capito come mai succede, ma meno male che stavolta è successo. Questa pasta è ottima ed ottima per il Club Sale & Pepe . SPAGHETTI CACIO E PEPE Ingredienti per 2 persone affamate e curiose     200 gr di spaghetti 100 gr …

Fiordizucca e ''Chi ga' vinto?”

Il web è una grande risorsa. Certo nasconde molti rischi e bla bla bla. Ma i foodblog sono per me una stimolo continuo e questo forse è un rischio per chi vorrebbe che cucinassi cose comuni. Menomale questo qualcuno non esiste. Sabato sera, intrigata da tempo dal blog di Fiordizucca (che tra l’altro recentemente ha cambiato sfondo, ora è molto primaverile e orientaleggiante) ho preparato un pranzo particolare a base di Stufato di zucca e ceci ,trasformato da me in zuppa-passato, e di Riso al cioccolato . La zuppa è stata possibile grazie ai grandi acquisti di spezie appena fatti a Munich ed indotto dalla mia grande, relativamente recente, passione per la zucca. Non so se capita anche a voi: a casa mia era quasi un tabù, non ricordo piatti con la zucca fatti dalla mamma. Da quando un’amica mi ha cucinato la zuppa di zucca (fantastica, Claudia !) mi sono avvicinata all’oggetto. Ne è nata una passione irrefrenabile, una scoperta continua. Il riso al cioccolato sembra banale, lo è, ma quando non lo si …