Visione di Carnia: laboratorio di scrittura a Lauco

by rossdibi il 15 settembre 2014

Post image for Visione di Carnia: laboratorio di scrittura a Lauco

Il laboratorio di scrittura Visione di Carnia si terrà lunedì 22 e martedì 23 settembre 2014, dalle 14-30-18.30, a Lauco (Udine). Si parlerà di come raccontare e comunicare piatto e territorio

Il Progetto Carnia Food Design 2014, organizzato e gestito dalla Cooperativa Cramars di Tolmezzo con il coordinamento scientifico di Slow Food Friuli Venezia Giulia, entra nel vivo.
Si comincia il 22-23 settembre a Lauco, non lontano da Tolmezzo, in provincia di Udine.
Tocca a me aprire i battenti e lo farò con il laboratorio di scrittura  “Visione di Carnia: il racconto del piatto e del territorio”.

I temi di “Visione di Carnia: il racconto del piatto e del territorio”

Saranno due pomeriggi spero intensi ed utili per te.
Chiamarlo laboratorio di scrittura è forse semplicistico. Cercheremo, infatti, di comprendere e vivere l’evoluzione dallo scrivere al raccontare, fino al comunicare e non dimenticando il condividere.
Oramai non basta più scrivere ciò che piace a noi e pubblicarlo online. Bisogna adattare il testo al lettore e comunicargli qualcosa che lo porti fino in Carnia.
Il laboratorio sarà incentrato sulla Carnia e il Friuli con lo scopo finale di imparare a raccontare e comunicare i piatti tradizionali e l’intero territorio.

Saranno due pomeriggi spero non noiosi.
Non parlerò soltanto io, ti chiedo di partecipare attivamente.

Il laboratorio si baserà su:

  • le classiche slide;
  • letture in classe;
  • esercitazioni individuali e di gruppo;
  • alcuni case study, perché dagli altri si può imparare;
  • alcuni momenti di dibattito guidato;
  • suggerimenti di letture ulteriori;
  • le domande ed i commenti dal pubblico saranno i benvenuti.

Entrando più nel pratico si parlerà di:

  • raccontare o storytelling;
  • il territorio e la sua trama;
  • scrivere sul cibo o foodwriting;
  • metodi per la scrittura delle ricette;
  • recensioni e racconti online dei ristoranti oggi;
  • l’arma dell’intervista e come usarla;
  • raccontare gli eventi enogastronomici (accenni);
  • web writing;
  • accenni di SEO (Search Engine Optimization);
  • social media writing. Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, GooglePlus: verranno rapidamente introdotti ed utilizzati come scusa per capire come comunicare un’attività commerciale;
  • l’importanza della condivisione nei social media;
  • l’autodisciplina nell’interagire online.Laboratorio di scrittura Cramars

Il laboratorio  “Visione di Carnia: il racconto del piatto e del territorio” si concluderà con un lavoro di gruppo: Cjalsons vs. Blecs. Ogni gruppo dovrà costruire una sua embrionale strategia per comunciare online questi due piatti tipici friulani.

[continua a leggere…]

{ 0 commenti }

La (ri)carica dei 38 anni: tirar fuori la voce

by rossdibi il 5 settembre 2014

Post image for La (ri)carica dei 38 anni: tirar fuori la voce

La voce: la tua, la mia, quella che è bloccata dentro

 

Anche i tuoi genitori ti registravano mentre ripetevi le prime poesie imparate a memoria o ancora prima mentre canticchiavi i ritornelli imparati alla scuola materna?

Se parliamo indiano non ci capiamo più ” queste sono state le mie prime parole immortalate per l’eternità.

Ho scoperto così il suono della mia voce. “Chi diamine è quella? Uhm un’antipatica. Mi sembra una precisa, permalosa e persino vanitosa. Chi si crede di essere?” Sì, da lì ho imparato che sembro proprio una pedante e perfettina creatura. No,no, la voce non fa per me.
Non parliamo poi di intornare una canzone. Negata proprio. Lo diceva pure la nonna. “Io sì, che con la mia voce avrei potuto avere un’altra vita” ripeteva.

La mia Voce però l’amo.
Sì, odio la mia voce, vivo per la mia Voce.
La mia Voce la posso prendere tra le mani: nasce quando la penna incontra la carta o i polpastrelli danzano sulla tastiera. E ricordo pure il dolore del mignolo sulla vecchia, sacra e mitica Olivetti.
A parte licenze poetiche, tentativi vari di far nascere una trama immaginando personaggi, oso dire che ciò che scrivo sono.
Sono perché scrivo.
Scrivo quel che sono.
(Ma so chi sono? :) This is the question)

La Voce tra talento e ragione

Lo so, tutti parlano di talento. Sai le parole hanno un significato anche simbolico. La Voce per me conta di più.

Qual è la tua Voce? Quello che ti fa vivere, progettare il futuro, desiderare di vivere sopra ogni cosa?
Per me è appunto lo scrivere, scribacchiare.
Si è capito quasi subito. Lo capisco man mano ogni giorno.

[continua a leggere…]

{ 5 commenti }

Cracker col lievito madre e paprika

by rossdibi il 2 settembre 2014

Post image for Cracker col lievito madre e paprika

Cracker col lievito madre, paprika, Luisa e fantasia

 

Non brillava certo per iniziativa: cantava Fabrizio De Andrè. Da qualche parte però dovevo pur ricominciare a giocare in cucina.
L’ ho fatto con del lievito madre e con tutta la croccantezza della ricetta di Rise the sourdough preacher, alias Luisa.

Era una (abbastanza) calda mattina di fine agosto. Dal mercato ero tornata e non mi rimaneva molto oltre rinfrescare il lievito madre. Prima però un po’ di Facebook.
Lì, sul social media, quel coso un po’ intrusone nella nostra vita, che è successo il fattaccio.
C’era un link … non cliccare quel link, mi dissi.
C’erano le parole di Luisa: rincuoranti ed entusiaste.
C’era persino la parola magica: lievito madre. Anzi, resti di lievito madre.

Lì, tra Facebook e realtà, necessità e capriccio, è cominciato l’impasto.
Luisa pensa in grande. Il mio lievito madre era disponibile solo in piccola quantità.
La sua ricetta parlava di 1 kilogrammo di lievito madre, io avevo alcune centinaia di grammi di pasta madre destinata al secchio dell’organico.
Decisi di non sprecare niente: nè lievito madre, nè curiosità, neppure tempo.

Con quel lievito madre di troppo, che non sempre il buon senso salva dal suo destino, impastai. Aggiunsi dell’acqua tra le righe, poca per la verità.
Ottenni ciò che speravo. Aspettai, tagliai, misi in forno…finché furono

[continua a leggere…]

{ 1 commento }

La (ri)carica dei 38 anni: un approccio non teorico

agosto 29, 2014
Thumbnail image for La (ri)carica dei 38 anni: un approccio non teorico

38 anni: compleanno alle spalle, è tempo di darsi da fare Ci sono campanelli, richiami. Non mancano stupidi pregiudizi. La lucidità dei 38? La paura dei 40? L’estro dell’età qualunque? Bullshit…direbbero gli americani. Cazzate dico io. Lo dico, forte, chiaro. Ho aperto gli occhi sul tempo. Orgogliosa, direi fieramente, di ciò che è stato. Orgogliosa, […]

7 comments Continua a leggere →

Effetto Polonia

agosto 25, 2014
Thumbnail image for Effetto Polonia

Polonia: ho cominciato a scoprirla Effetto Polonia od effetto ferie? Di sicuro sono oramai tutte e due lontane. Rieccomi tornata ufficialmente a pieno ritmo, di fatto ancora in quella dolce fase sonnolenta che conclude le vacanze. Ho trascorso dieci giorni tra Malopolska e Carpazi. Forse Cracovia ti dice qualcosa, un po’ di meno con tutta probabilità […]

2 comments Continua a leggere →